HOME PAGE  |   AREA DOWNLOAD  |   CONTATTI



linee pastorali
IRC
ANNO PASTORALE 2015
adorazione
 
  PAPI
26-30 GENNAIO

Viaggio in India
del Vescovo Dante

Condividi su Facebook Condividi su Facebook

Si è concluso la sera di giovedì 30 gennaio 2014 il viaggio del Vescovo Lafranconi in India, in occasione dei festeggiamenti per i cento anni della Congregazione delle suore «Catechiste di Sant'Anna» e per i centocinquanta anni dalla nascita del loro fondatore, il cremonese padre Silvio Pasquali.

 
Mercoledì il presule ha iniziato la giornata con la Messa nella casa provinciale di Guntur, dove ha sede un importante polo scolastico con oltre 2.500 ragazzi (dall'asilo fino alla scuola superiore di farmacia), quindi ha visitato il plesso di Nalgonda con 3.300 studenti, di cui 180 ospiti nel convitto, e il colleggio Santa Teresa di Gesù Bambino con 800 studentesse. In serata il presule, accompagnato dalla delegazione cremonese (don Pezzetti e don Ghilardi della Caritas, don Andrea Foglia parroco di Sant'Abbondio e don Alberto Martinelli e Mauro Barchielli rispettivamente parroco e parrocchiano del Cambonino) e da quella di Roseto degli Abruzzi, Cermenate e Tanzania (località dove operano le suore Catechiste di Sant'Anna), è tornato nella casa generalizia di Hyderabad. Qui ha pregato brevemente e ha cenato con tutte le suore che vivono nei cinque conventi della Capitale dello stato. Il mattino seguente l'imbarco con Milano, con scalo a Dubai, l'arrivo in tarda serata a Cremona.

Photogallery:

 
Sono state particolarmente intense le ultime giornate in India del Vescovo Lafranconi. Dopo la memorabile giornata di martedì a Eluru per le celebrazioni del centenario di fondazione della Congregazione delle suore «Catechiste di Sant'Anna« e per il centocinquantesimo della nascita del loro fondatore, il missionario cremonese del PIME, padre Silvio Pasquali, il presule insieme alla delegazione italiana e della Tanzania si è trasferito ad Atmakur dove ha sede la casa provincializia di Guntur e dove le suore gestiscono un imponente complesso scolastico con oltre 2.500 studenti: dall'asilo alla scuola superiore di farmacia. Proprio qui, nel febbraio 2012, mons. Lafranconi aveva inaugurato una parte della scuola durante una grande festa alla presenza di tutti i ragazzi.

Mercoledì mattina, dopo la celebrazione dell'Eucaristia, il Vescovo ha visitato il plesso di Nalgonda dove studiano 3.300 tra bambini e ragazzi, di cui 180 ospiti nel convitto gestito sempre dalle suore di padre Paquali. Mons. Lafranconi si è soffermato in ogni classe, salutato con grande deferenza e cordialità dai bambini, tutti vestiti con la stessa divisa: un modo per vincere quella cultura delle caste che continua a sopravvivere nonostante gli sforzi del governo.

All'arrivo della delegazione si sono svolte le cerimonie di accoglienza, tanto care alle popolazioni asiatiche. Ciascun ospite è stato decorato con il bindi, un punto rosso sulla fronte, tipico segno indiano e con una profumatissima ghilardi di fiori. Alcune ragazze hanno poi offerto delle tipiche danze locali e alcuni canti sia in lingua telogu e sia in inglese.

«Su 3.300 studenti sono 65 sono cattolici - ha spiegato la direttrice della scuola -, arrivano a 100 se aggiungiamo quelli di confessione protestante. Il resto sono musulmani e soprattutto indù».

Dopo il pranzo, mons. Lafranconi ha visitato il vicino colleggio di Santa Teresa di Gesù Bambino che forma circa 800 ragazze, la metà ospiti nel convitto delle suore. Nel suo breve indirizzo di saluto il presule ha esortato le ragazze, tutte schierate in fila nel grande cortile, a studiare con serietà e impegno, poichè esse rappresentano il futuro della nazione indiana. Ha anche chiesto loro di impegnarsi a costruire un mondo più unito e più fraterno, sull'esempio di Gandhi, del quale proprio il giorno seguente si celebrava il 66° anniversario dell'uccisione.

In serata la delegazione si è trasferita nella casa generalizia di Hyderabad, dove ad attendere il vescovo c'erano le suore dei cinque conventi della capitale. Una breve preghiera con la benedizione eucaristica, poi la cena e i saluti.

Nella mattinata di giovedì mons. Lafranconi insieme a don Pezzetti è tornato in Italia, il resto della delegazione, invece, resterà in India fino al 4 febbraio, visitando altre strutture delle suore.

In tutto le "Catechiste di Sant'Anna" gestiscono una settantina di istituti - tra cui una università -, ma anche orfanotrofi ed ospedali. Attualmente sono oltre 400, con una cinquantina tra novizie, postulanti e aspiranti.

 
 

 

convegno firenze


Liturgia


In Evidenza

TUTTI A TAVOLA
Speciale dedicato
al Grest 2015
QUARESIMA
E PASQUA 2015
Eventi e liturgie
ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
FORMAZIONE SOCIO-POLITICA
I materiali del corso
VITA CONSACRATA
Religiose e religiosi
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
PASTORALE GIOVANILE
Formazione ed eventi
AGGREGAZIONI ECCLESIALI
Proposte ed eventi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
Zona1
AC
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona
dvd conte