HOME PAGE  |   AREA DOWNLOAD  |   CONTATTI



linee pastorali
IRC
ANNO PASTORALE 2015
adorazione
 
  PAPI
LETTERA ALLA REDAZIONE

«Cinque anni di attività
del portale diocesano
Un grazie a don Claudio
per quello che ha fatto»

Condividi su Facebook Condividi su Facebook

Abbiamo ricevuto questa lettera da don Marco D'Agostino, vicerettore del Seminario, che volentieri pubblichiamo.
 
Sabato 15 novembre prossimo don Claudio Rasoli diventa parroco di Paderno Ponchielli. In questi ultimi cinque anni è stato lui a dare forza, corpo e utilità al portale www.diocesidicremona.it. In poco tempo è divenuto uno strumento indispensabile per la liturgia e la pastorale (chi non ha scaricato gli schemi liturgici per l’eucarestia festiva di don Daniele Piazzi) o non si è servito di altri sussidi che il sito ha proposto? Chi non ha verificato avvisi, date, ore perché ce n’eravamo dimenticato o non ha seguito, in diretta streaming, le celebrazioni dalla Cattedrale, riascoltando gli mp3 di meditazioni, conferenze, omelie e incontri del Vescovo? Per tutto questo vorrei condividere tre riflessioni.

La prima è un “grazie” sentito a don Claudio. Il suo lavoro – in questi anni in cui ha abitato in seminario lo possiamo dire – è stato un lavoro nascosto, nell’ombra. Certo, per fare le foto e negli incontri ha dovuto “mettersi” in vista. Sto pensando alla fine di tutte le manifestazioni e le celebrazioni. Per don Claudio c’è sempre stato  un “oltre” e un “dopo”. L’immediatezza del mezzo gli chiedeva, in pochissimo tempo, velocissimamente, di scrivere il resoconto di tutto quello che era successo nelle ore prima, aiutato certamente anche da Riccardo Mancabelli. Un lavoro che, per beneficiare tutti, ha portato via a lui tempo, forze, sonno. Ma un lavoro che ha permesso a molti, pur rimanendo in casa, pur avendo altro da sbrigare in parrocchia o altrove, di poter seguire, vedere, partecipare attraverso foto e parole, suoni e registrazioni, alla vita della Chiesa cremonese.

Il secondo motivo lo prendo dal “bene” che il portale ha fatto. Io credo, per tanti che lo usiamo, ci abbia fatto sentire “più Chiesa”. Ha come “accorciato” i confini della nostra diocesi, stretta e lunga, ci ha fatto sentire più vicino ai nostri missionari sparsi in America Latina, in Africa, in Albania. So bene che la Chiesa e l’azione dello Spirito non hanno bisogno di mezzi umani per farsi sentire e raggiungere i cuori delle persone. Ma so anche che Dio non snobba l’intelligenza umana, anzi se n’è servito – nella storia dell’Antico e del Nuovo Testamento – per scrivere la sua storia di salvezza e annunciarla ad Israele prima e a tutte le genti in un secondo tempo. Il portale, con tutte le notizie della nostra Chiesa cremonese, ha creato appuntamenti fissi, attese per poter vedere, anche lontano da Cremona e là dove ogni esperienza ecclesiale viene vissuta. Incontri, personaggi, magistero del vescovo, visita pastorale, incontri nelle zone e nelle parrocchie, ingressi dei nuovi parroci, incontri del clero. Mille e un’occasione per sentirsi Chiesa, per essere informati, per poter andare, con gli occhi e col cuore, anche se non fisicamente, a quell’incontro particolare.

Infine – è il terzo motivo - l’azione di don Claudio sul portale ha dato la possibilità a tutti, almeno a me, di pensare che di bene, anche nella nostra Chiesa cremonese, ce n’è tanto veramente. Ce n’è stato e ce n’è. L’abbondanza di notizie che viene pubblicata ogni giorno sul portale lo racconta. Almeno 365 cose belle all’anno! E molte di più! Solo per dirne alcune: lo stile della carità della Chiesa di Cremona, la vita delle parrocchie, la vitalità culturale, la missione, la Pastorale Giovanile, il seminario, la scuola, l’Iniziazione Cristiana, la famiglia, la liturgia, la catechesi, le riflessioni, gli appuntamenti… e mille altre attività e notizie. Sono convinto che ciascuno di noi, in particolare noi preti, abbiamo il compito primario di diffondere il bene, di non farci sopraffare dal male, di non permettere che le note stonate schiaccino quelle accordate. Il portale ha dato una spinta per vedere considerare il bene e il buono fatto e da farsi (proposte e iniziative) nella Chiesa e nel mondo.

Queste righe solo per ringraziare don Claudio e incoraggiarlo a continuare nella direzione di questo strumento utile, agile e consultato da molti. Ricordargli che la sua azione, come prete e tra pochi giorni come parroco, è silenziosa, nascosta, ma preziosa. Credo che sia giusto, oltre che doveroso, che tra noi preti ci diciamo maggiormente “grazie” per quello che facciamo e siamo. È ciò che ci è richiesto nel ministero, ma è anche giusto che apprezziamo e stimiamo il lavoro degli altri.

Quindi, caro don Claudio, davvero grazie, di cuore, da parte di tutti quelli che, quando cliccano su www.diocesidicremona.it pensano anche al lavoro che ci sta dietro. E chiedono a Dio, come sa fare Lui, di ringraziare e ricompensare nel segreto.

Don Marco D'Agostino

 

 

convegno firenze


Liturgia


In Evidenza

TUTTI A TAVOLA
Speciale dedicato
al Grest 2015
QUARESIMA
E PASQUA 2015
Eventi e liturgie
ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
FORMAZIONE SOCIO-POLITICA
I materiali del corso
VITA CONSACRATA
Religiose e religiosi
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
PASTORALE GIOVANILE
Formazione ed eventi
AGGREGAZIONI ECCLESIALI
Proposte ed eventi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
Zona1
AC
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona
dvd conte