HOME PAGE  |   AREA DOWNLOAD  |   CONTATTI



linee pastorali
IRC
ANNO PASTORALE 2015
adorazione
 
  PAPI
DOMENICA 14 DICEMBRE

A Cremona l'Unitalsi lombarda
Messa del Vescovo in Duomo:
«Testimoni di consolazione»
Nella Giornata del Seminario
forte invito alla preghiera

Condividi su Facebook Condividi su Facebook

Da un lato l’augurio all’Unitalsi, presente in Cattedrale con i Consigli delle 23 sottosezioni lombarde, di «adempiere sempre alla missione di donare pace nello spirito e consolazione del cuore». Dall’altro il riferimento alla Giornata diocesana del Seminario, con l’invito a pregare per i giovani in cammino verso il sacerdozio perché siano umili testimoni del Signore. Questi gli aspetti sui quali domenica 14 dicembre in Cattedrale il vescovo Dante Lafranconi ha focalizzato l’attenzione. Al termine della messa la consegna di quattro medaglie dell’Unitalsi.

Photogallery della celebrazione

 

Domenica 14 dicembre la Giornata diocesana del Seminario è coincisa anche con il consueto incontro annuale dei Consigli delle 23 sottosezioni lombarde dell’Unitalsi, che per la prima volta si sono ritrovati all’ombra del Torrazzo. Due occasioni che sono state al centro dell’omelia di mons. Lafranconi, che alle ore 11 ha presieduto l’Eucaristia in Cattedrale.

Accanto al Vescovo il parroco della Cattedrale, mons. Alberto Franzini, e gli assistenti spirituali dell’Unitalsi: mons. Giovanni Frigerio (assistente regionale), don Angelo Zanzottera (viceassistente regionale) e don Maurizio Lucini (assistente diocesano).

A gremire i primi banchi del massimo tempio cittadino la folta delegazione degli unitalsiani, con il presidente regionale Vittore De Carli e la presidentessa diocesana Marinella Oneta. C’erano poi i rappresentanti delle 23 le sottosezioni lombarde: oltre a Cremona Bergamo, Bollate, Brescia, Busto Arsizio, Cernusco sul Naviglio, Como, Crema, Lecco, Legnano, Lodi, Magenta-Rho, Mantova, Merate, Milano Nord-Est, Milano Sud-Ovest, Monza, Pavia, Saronno, Seveso, Sondrio, Treviglio e Varese.

Nell’omelia il Vescovo, commentando il richiamo del profesta Isaia ad attendere il Signore come colui che consola (Is 61,1-2.10-11), ha rivolto lo sguardo al Natale che «sarà per noi la presenza di colui che mantiene questa parola. Prima di tutto noi vogliamo guardare al Signore Gesù come colui che dà il senso della pace e della gioia alla nostra vita». «Solo nella misura in cui noi accogliamo la consolazione che viene da Dio e la gioia della sua presenza – ha detto mons. Lafranconi – saremo capaci di consolare veramente anche gli altri».

E a questo proposito il Vescovo ha sottolineato il prezioso servizio dell’Unitalsi, che ha come obiettivo «non solo accompagnare materialmente gli ammalati ai santuari mariani, ma essere accanto a loro come segni e testimoni della promessa di Dio: segni e testimoni di consolazione». Quindi un augurio: «che l’Unitalsi possa sempre adempiere alla missione di donare pace nello spirito e consolazione del cuore».

Mons. Lafranconi ha poi focalizzato l’attenzione sul brano evangelico (Gv 1,6-8.19-28) e sulla figura di Giovanni Battista, che «domenica scorsa – ha ricordato il Presule – invitava a preparare l’incontro on il Signore. Oggi, invece, si presenta come colui che ha una missione: rendere testimonianza alla luce».

Continuando la propria riflessone mons. Lafranconi ha sottolineato che «nessuno è testimone per se stesso» e la necessità di «far conoscere Qualcuno che è ancora sconosciuto ai nostri giorni. E anche da chi si dice cristiano, pur senza far tesoro della sua parola e del suo esempio».

Mons. Lafranconi ha quindi ricordato la Giornata del Seminario, che in questa domenica si ricordava in diocesi. «Il luogo dove dei giovani – ha sottolineato il Vescovo – si preparano a far propria la missione del Battista: vivere alla luce del Signore e imparare a essere veramente suoi discepoli, comunicandolo agli altri, anche ai molti che, pur lambendo le porte delle nostre chiese, non sanno chi è il Signore Gesù o non lo conoscono veramente per quello che è».

«Preghiamo dunque – ha concluso il Vescovo – perché il nostro giungere al Natale avvenga nello spirito di Giovanni Battista: testimoni della luce, accogliendo il Signore Gesù e diventando segno della sua parola. Preghiamo per il Seminario e i seminaristi, perché orientino la propria formazione al sacerdozio con la gratitudine al Signore che li ha chiamati e nell’umiltà di servitori a disposizione per far conoscere Lui, la Sua parola e la Sua promessa».

Al termine della Messa, che è stata animata con il canto da una selezione del Coro della Cattedrale diretta da don Graziano Ghisolfi, ha preso la parola il presidente regionale dell’Unitalsi, Vittore De Carli, che, evidenziando come l’Unitalsi lombarda sia una grande famiglia, ha annunciato i nomi degli insigniti della pergamena e della medaglia dell’Unitalsi. Encomi che il Vescovo ha consegnato a Gaetano Galvani, già presidente dell’Unitalsi cremonese, e al dottor Amedeo Codignola. Altri due riconoscimenti sono stati consegnati alla memoria di don Elio Testa («padre dell’Unitalsi a Cremona») e di Antonio Buttafava: a ritirare il premio alcuni parenti.

Per gli unitlasiani l’incontro cremonese è proseguito con il pranzo presso Cascina Moreni. Non è mancata neppure la visita alla città e ai principali monumenti: oltre alla Cattedrale con il Battistero e Palazzo Comunale, nel pomeriggio tappa al Museo del Violino.

Altro appuntamento importante per l’Unitalsi cremonese, che il 30 novembre ha celebrato la Giornata dell'adesione, sarà la sera di sabato 20 dicembre quando alle 21 presso il Palazzo Cittanova si terrà un concerto benefico. Protagonista l’orchestra giovanile CreMaggiore, una compagine formata da giovani musicisti delle diverse scuole di musica del Cremasco diretti dal maestro Alberto Stabile. L'ingresso sarà ad offerta libera: il ricavato servirà ad abbattere i costi delle quote dei pellegrinaggi per i giovani e i malati meno abbienti.

Locandina del concerto del 20 dicembre

 

Storia dell'Unitalsi

La storia dell’Unitalsi ha un legame particolare con il Santuario Mariano di Lourdes che, ancora dopo più di cento anni dalla fondazione dell’Associazione, è la meta privilegiata dei propri pellegrinaggi. Era il 1903 quando il fondatore, Giovanni Battista Tomassi, figlio dell’amministratore dei Principi Barberini, partecipò al suo primo pellegrinaggio. Era un ragazzo poco più che ventenne, affetto da una grave forma di artrite deformante irreversibile che lo costringeva in carrozzella da quasi dieci anni; molto sofferente nel corpo e nello spirito per la sua ribellione a Dio e alla Chiesa.

Avendo saputo dell’organizzazione di un pellegrinaggio a Lourdes, Tomassi chiese di parteciparvi con una precisa intenzione: giungere dinanzi la grotta di Massabielle e, qualora non avesse ottenuto la guarigione, togliersi la vita con un gesto clamoroso. Cosa che, fortunatamente, non accadde. Davanti alla Grotta dove l’Immacolata era apparsa a Santa Bernadette, fu colpito dalla presenza dei volontari e dal loro amorevole servizio. Qui vide quanto la condivisione dei volontari regalava conforto, speranza e serenità ai sofferenti. Quindi l'idea di fondare l'Unitalsi.

Al centro della storia dell'Associazione c’è, quindi, la carità vissuta come servizio gratuito dagli oltre centomila aderenti, uomini, donne, bambini, sani, ammalati, disabili, senza distinzione di età, cultura, posizione economica, sociale e professionale.

La benemerita associazione che assiste ammalati e diversamente abili nei pellegrinaggi a Lourdes e negli altri santuari mariani, a Cremona è composta da circa 250 persone: 50 barellieri, 50 dame, 50 malati e 100 amici che solitamente partecipano ai pellegrinaggi regionali, tra di essi anche diversi sacerdoti e seminaristi.

 

 

 

convegno firenze


Liturgia


In Evidenza

TUTTI A TAVOLA
Speciale dedicato
al Grest 2015
QUARESIMA
E PASQUA 2015
Eventi e liturgie
ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
FORMAZIONE SOCIO-POLITICA
I materiali del corso
VITA CONSACRATA
Religiose e religiosi
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
PASTORALE GIOVANILE
Formazione ed eventi
AGGREGAZIONI ECCLESIALI
Proposte ed eventi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
Zona1
AC
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona
dvd conte