HOME PAGE  |   AREA DOWNLOAD  |   CONTATTI



linee pastorali
IRC
ANNO PASTORALE 2015
adorazione
 
  PAPI
BILANCIO RACCOLTA CARITAS

Regalo di S. Lucia a 100 bambini
grazie alla generosità di singoli
e comunità parrocchiali
E arriverà anche Babbo Natale

Condividi su Facebook Condividi su Facebook

È grazie alla generosità di tanti che la mattina di Santa Lucia cento bambini hanno avuto la bella sorpresa di un regalo: l’unico. È questo il bilancio dell’iniziativa di solidarietà lanciata nelle scorse settimana dalla Caritas diocesana per aiutare i nuclei famigliari più in difficoltà. Parecchio il materiale raccolto negli uffici di via Stenico tanto che sarà possibile dare una mano anche a Babbo Natale.

«Siamo molto soddisfatti per come è andata la Raccolta di Santa Lucia – spiega l’operatrice della Caritas diocesana Nicoletta D’Oria Colonna –. Dobbiamo dire tanti grazie. Alle tante persone che hanno aderito all’iniziativa, così come alle comunità parrocchiali. Tra le più generose Agnadello, Bordolano, Pandino e San Giacomo al Campo. Il grazie a loro va anche per aver risposto a pieno al nostro appello, portando i regali già incartati e con indicato il contenuto. Un altro importante riconoscimento va dato a Paola, la nostra volontaria, che insieme alle suore togolesi di Nostra Signora di Nazareth hanno svolto il lavoro certosino di selezione e impacchettatura, oltre a quello di controllo delle batterie e in certi casi di vera e proprio messa a nuovo».

Dalla Caritas arriva anche un bilancio dettagliato dei bambini visitati da Santa Lucia: 15 presso la Casa dell’Accoglienza, 20 nelle altre comunità della Caritas diocesana. Gli altri 65 destinatari sono stati individuati dal Centro d’ascolto della Caritas: nella maggior parte dei casi si è trattato di nuclei famigliari già conosciuti e con necessità comprovate.

«Comprensibilmente – continua Nicoletta D’Oria Colonna – abbiamo rilevato un po’ di diffidenza nel venire a chiedere. La vergogna era forte. Alcuni casi sono arrivati a noi dopo l’incoraggiamento da parte di altre mamme, magari dei compagni di scuola».

Ora il magazzino, lasciato da Santa Lucia, è passato a Babbo Natale. «Abbiamo ancora a disposizione del materiale – conferma l’operatrice – che sarà dato in occasione del Natale, naturalmente privilegiando quanti a Santa Lucia non hanno ricevuto nulla».

La soddisfazione per l’esito della raccolta è dettata anche da alcuni particolari. «L’obiettivo – afferma ancora D’Oria Colonna – è stato raggiunto: al di là di essere naturalmente riusciti a far felici i bambini, la proposta ha avuto anche una funzione pedagogica, dato che ha saputo coinvolgere molte persone e diverse parrocchie. Abbiamo chiesto un piccolo sforzo di generosità, ma abbiamo visto che le persone sono state contente di averlo fatto. Per questo abbiamo cercato di coinvolgere tutti nel migliore dei modi. Ad esempio a chi portava qualcosa facevamo vedere come classificavamo tutto il materiale raccolto, e potevano ammirare con che cura i volontari predisponevano il tutto. I regali sono stati anche differenziati a seconda che potessero andare a maschi o femmine, ma anche per distinguere quanto era adatto a bambini più piccoli da quelli più grandi».

Le storie da raccontare sarebbero tante. Dalla mamma che, di ritorno dal supermercato, ha portato in Caritas una borsina stracolma di dolci. A quanti sono arrivati in via Stenico dopo aver confezionato il regalo con molta cura.

Una particolare sorpresa c’è stata per quei bambini che mai prima di allora avevano ricevuto qualcosa da Santa Lucia. Ed è stata un regalo del tutto inaspettato anche per due bambini che sono stati accolti nella struttura di viale Trento e Trieste proprio nella giornata del 12 dicembre. Stupiti per quanto ricevuto hanno contato uno ad uno tutti i dolciumi arrivati: per la cronaca 70 tra caramelle e cioccolatini, 35 a testa. Una tale quantità non l’avevano mai vista prima.

«Per i bambini questi sono momenti indimenticabili – conclude Nicoletta D’Oria –. Proprio in questi giorni in una classe è stato chiesto di scrivere un elaborato sul più bel ricordo. E un bimbo ha raccontato di quanto ricevuto lo scorso anno a santa Lucia: era stata la sua prima volta. Leggere un testo del genere non può lasciare nessuno indifferente. Certo sarebbe bello che questa attenzione non fosse solo una risposta a un’iniziativa promossa dalla Caritas, ma potesse diventare una pratica di buon vicinato».

 

 

convegno firenze


Liturgia


In Evidenza

TUTTI A TAVOLA
Speciale dedicato
al Grest 2015
QUARESIMA
E PASQUA 2015
Eventi e liturgie
ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
FORMAZIONE SOCIO-POLITICA
I materiali del corso
VITA CONSACRATA
Religiose e religiosi
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
PASTORALE GIOVANILE
Formazione ed eventi
AGGREGAZIONI ECCLESIALI
Proposte ed eventi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
Zona1
AC
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona
dvd conte