HOME PAGE  |   AREA DOWNLOAD  |   CONTATTI



linee pastorali
IRC
ANNO PASTORALE 2015
adorazione
 
  PAPI
CREMONA - 13 GENNAIO

Il Vescovo Dante celebra
la festa di Sant'Ilario:
«Troppi cristiani ondeggianti
che non approfondiscono
la fede nella catechesi»

Condividi su Facebook Condividi su Facebook

Dall’opera “I Sinodi” di sant’Ilario al Sinodo sulla famiglia il passaggio è stato quasi scontato per il vescovo Dante che nel pomeriggio di martedì 13 gennaio ha presieduto l’Eucaristia nella chiesa di via Garibotti, a Cremona, in occasione della festa patronale. Proprio al vescovo di Poitiers mons. Lafranconi si è ispirato per tracciare il cammino della Chiesa di questi tempi: un cammino condiviso di ricerca della verità, portato avanti da cristiani che approfondiscono il dato di fede nella catechesi invece di seguire le voci di corridoio, per non correre il rischio di essere «cristiani ondeggianti – ha detto citando san Paolo - esposti a ogni vento di dottrina, incapaci o timorosi di una adesione piena, vera e cordiale».

Atmosfera solenne nel pomeriggio di martedì 13 gennaio nella chiesa di S. Ilario a Cremona in occasione della Messa presieduta dal vescovo Lafranconi nel giorno della festa patronale.

Accanto al Presule i quattro sacerdoti dell’unità pastorale di S. Agata e S. Ilario: il parroco mons. Dennis Feudatari, il vicario don Stefano Montagna e i collaboratori don Franco Regonaschi e don Angelo Guerreschi Parizzi. Presente anche il segretario e cerimoniere episcopale, residente proprio nell’unità pastorale.

Ad animare la liturgia la schola cantorum diretta dal maestro Pietro Nespoli. Mentre il servizio all’altare era garantito dal gruppo di ministranti, grandi e piccoli.

Nell’omelia il Vescovo si è concentrato proprio sulla figura del Patrono, la cui immagine era posta a lato del presbiterio. «Testimone e maestro della divinità di Cristo», ha sottolineato mons. Lafranconi riprendendo le parole della liturgia.

Il pensiero, a conclusione del tempo di Natale, è andato ancora una volta all’immagine del presepio, e al riconoscimento di quel Bambino come il Figlio di Dio. Un riconoscimento sancito dalla Chiesa nel Concilio di Nicea del 325, una decina d’anni dopo la nascita di S. Ilario, del quale mons. Lafranconi ha ricordato gli anni dell’esilio per la sua opposizione all’eresia ariana. Una esperienza risultata alla fine provvidenziale – ha detto mons. Lafranconi – per avergli dato l’opportunità di approfondire il pensiero della Chiesa d’Oriente e il dialogo con loro. «Quello che ai nostri occhi – ha detto – appare una battuta d’arresto nei fatti si è dimostrato un percorso prezioso per il cammino teologico degli anni successivi».

Poi facendo riferimento all’opera “De Synodis”, composta negli anni d’esilio, il pensiero del Vescovo è andato all’attualità della Chiesa e al Sinodo sulla Famiglia. «Penso alla saggezza del Papa – ha affermato – che ha voluto un confronto libero e nella tradizione della Chiesa, dove ogni confronto libero. Fin che c’è confronto vuol dire che, insieme, si è alla ricerca della verità o dei modi per tradurla nel modo più giusto nell’azione pastorale».

E riconoscendo che «i confronti anche più appassionati sono giusti, legittimi, normali e fruttuosi», mons. Lafranconi ha sollecitato a «non navigare verso le forme di radicalismi allarmistici» o a «contrabbandare come verità già approvata ciò che è solo a livello di ipotesi e di legittimo confronto».

«Trovo spesso anche tra molti cristiani – ha quindi confidato il Vescovo – un senso di incertezza e smarrimento in merito al Sinodo sulla famiglia. Preghiamo lo Spirito perché il confronto sia una disamina aperta. Accoglieremo quindi con senso di fede e verità di obbedienza le decisioni che saranno prese».

«La fede – ha continuato mons. Lafranconi – richiede sempre anche l'impegno dell'intelligenza». E ha aggiunto: «È normale che un cristiano cerchi anche di comprendere ed esprimere nei termini più adatti la verità che il Signore Gesù ci ha rivelato». Ma ha proseguito: «Purtroppo nel nostro tempo si ascoltano le voci di corridoio più che un approfondimento della catechesi. Finché noi cristiani non ritorneremo a una seria ricerca del modo con cui la ragione si accosta alla fede e cerca di esprimerla, saremo sempre cristiani ondeggianti – come afferma l’apostolo Paolo -  esposti a ogni vento di dottrina, incapaci o timorosi di una adesione piena, vera e cordiale». «In ogni discussione quello che ci deve stare a cuore è di mantenere viva la passione e l'amore per Gesù cristo, la sua Parola, la sua Chiesa e per la verità».

«Chiediamo a sant’Ilario – ha concluso il vescovo Lafranconi – la grazia per tutta la nostra Chiesa perché, in questo momento del Sinodo, abbia la disponibilità di cuore a condividere il cammino di ricerca della verità. E perché sia un cammino condiviso da tutta la Chiesa, sostenuta dalla grazia e dall’opera dello Spirito Santo, nel quale riponiamo la stessa fiducia che riponiamo nel magistero».

Al termine della celebrazione il saluto del parroco, mons. Dennis Feudatari, che, tornando sulle parole del Vescovo e in particolare sull’invito ad accettare una sorta di esilio dai modi usuali di vivere la fede, ha guardato all’esperienza dell’unità pastorale. «Abbiamo due cuori, Ilario e Agata,  – ha detto – due affetti molto radicati, che sono il segno di una fede cresciuta bene, ma non ci deve impaurire il confronto e una sorta di esodo dall’una all’altra delle due grandi santità che fondano la nostra esperienza comunitaria». Quindi l’arrivederci al Vescovo al mese prossimo per la prossima festa patronale di sant’Agata.

 

Omelia del Vescovo (mp3)        Photogallery della celebrazione


 

convegno firenze


Liturgia


In Evidenza

TUTTI A TAVOLA
Speciale dedicato
al Grest 2015
QUARESIMA
E PASQUA 2015
Eventi e liturgie
ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
FORMAZIONE SOCIO-POLITICA
I materiali del corso
VITA CONSACRATA
Religiose e religiosi
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
PASTORALE GIOVANILE
Formazione ed eventi
AGGREGAZIONI ECCLESIALI
Proposte ed eventi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
Zona1
AC
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona
dvd conte