HOME PAGE  |   AREA DOWNLOAD  |   CONTATTI



linee pastorali
IRC
ANNO PASTORALE 2015
adorazione
 
  PAPI
SAN BASSANO - 29 GENNAIO

Inaugurata dal vescovo Dante
la nuova unità abitativa
per giovani-adulti autistici
dell'Istituto Vismara-De Petri

Condividi su Facebook Condividi su Facebook

Nel pomeriggio di giovedì 22 gennaio il vescovo Lafranconi ha benedetto, presso l’Istituto Vismara-De Petri di San Bassano, la nuova unità abitativa per autistici. L’inaugurazione ha avuto luogo in un intenso pomeriggio che ha permesso di conoscere più da vicino questo innovativo progetto di assistenza prima con un convegno, poi attraverso la visita alla nuova struttura, infine con uno spettacolo teatrale.

Photogallery

 

Un progetto articolato e all’avanguardia, frutto del lavoro di anni, programmato con la collaborazione di vari esperti. Obiettivo è stato la realizzazione di un luogo di vita pensato per persone con disturbo generalizzato dello sviluppo (autismo). Un ambiente strutturato in “zona casa” e “zona scuola”, dove agli ospiti (giovani-adulti) è offerta la possibilità di ricreare relazioni e capacità funzionali mirate al loro benessere con il supporto delle proprie famiglie.

L’intenso pomeriggio ha preso avvio alle 14.30 nel salone polivalente della struttura socio-sanitaria con un convegno di presentazione dell'articolato progetto. Presente il presidente della Fondazione, don Mario Dellacorna, e il direttore generale Maria Grazia Ventura. Prima parte dedicata a “La qualità della vita”, seconda dal titolo “Scuola di vita”. Tra i relatori il professor Luigi Croce, docente dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e consulente della Fondazione.

La presentazione del documentario “Come nasce un progetto sulla disabilità”, realizzato da Diego Malcangi, giornalista di Euronews Lione, è stato l’ultimo momento congressuale, cui è seguito il taglio del nastro del nuovo reparto da parte del Vescovo e di una ospite della struttura.

Accanto al Vescovo anche il parroco di San Bassano, don Angelo Ruffini, i membri del Consiglio direttivo e i consiglieri regionali Federico Lena e Carlo Malvezzi con Denis Spingardi.

Prima della benedizione dei nuovi locali, mons. Lafranconi in un breve indirizzo di saluto ha sottolineato la preziosità di questo servizio, espressione concreta della «attenzione nei confronti di situazioni di infermità così particolari da richiedere interventi specialistici e premurosi». Impegno che il Vescovo ha letto come segno di continuità con la vicinanza all’uomo che il Signore ha manifestato incarnandosi nella storia umana. Infine l’auspicio che la nuova struttura possa essere luogo di accoglienza sicura e tranquilla per gli ospiti e anche per le loro famiglie, «un luogo in cui la Parola di Dio, pur senza essere evocata a parole, è vissuta nella testimonianza».

Ha fatto seguito la vista alla struttura, occasione non solo per conoscere da vicino il nucleo abitativo e i professionisti che ogni giorno sostengono la fattibilità di questo innovativo progetto, ma anche informare in merito a tutte le innovazioni e le strategie pensate per facilitare l'esistenza delle persone disabili, migliorandone la qualità della vita e aiutando l'acquisizione di una possibile autonomia. Particolari che anche il Vescovo ha potuto osservare da vicino visitando prima l’ala con le stanze da letto e poi gli spazi diurni, con i laboratori e le attività interattive.

Poco dopo le 18 per tutti l’appuntamento è stato nuovamente nel salone polivalente per lo spettacolo teatrale “Come in una bolla di sapone” proposto da Max Bozzoni.

A chiudere l’inteso pomeriggio un buffet offerto a tutti gli intervenuti.

 

Storia dell’istituto

L’Istituto Vismara-De Petri, fondato nel 1884 dall’allora parroco di San Bassano, mons. Carlo Vismara, fu eretto in ente morale con regio decreto del 10 ottobre 1904. Il fondatore lo chiamò “Ospizio di San Carlo”.

Un importante cambiamento è avvenuto nell’anno 2000, quando il Consiglio di Amministrazione ha deliberato la depublicizzazione dell’Ente che si è così trasformato da IPAB in Fondazione onlus. Fin dall’inizio la Fondazione si è sempre proposta come un vero e proprio “luogo di cura”; questa specifica peculiarità si è ulteriormente sviluppata con il potenziamento delle prestazioni medico-sanitarie e riabilitative, con l’acquisizione di moderne strumentazioni, con l’introduzione delle attività terapeutico animative e, in tempi più recenti, con l’attivazione di servizi territoriali e diagnostico-ambulatoriali per la cittadinanza e dei nuovi reparti di riabilitazione generale e geriatrica.

 

 

 

convegno firenze


Liturgia


In Evidenza

TUTTI A TAVOLA
Speciale dedicato
al Grest 2015
QUARESIMA
E PASQUA 2015
Eventi e liturgie
ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
FORMAZIONE SOCIO-POLITICA
I materiali del corso
VITA CONSACRATA
Religiose e religiosi
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
PASTORALE GIOVANILE
Formazione ed eventi
AGGREGAZIONI ECCLESIALI
Proposte ed eventi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
Zona1
AC
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona
dvd conte