HOME PAGE  |   AREA DOWNLOAD  |   CONTATTI



linee pastorali
IRC
ANNO PASTORALE 2015
adorazione
 
  PAPI
CREMONA - 1° FEBBRAIO

Per la Giornata della vita
al Cittanova Paola Bonzi
anima del CAV Mangiagalli
In 30 anni nati 17.585 bimbi

Condividi su Facebook Condividi su Facebook

“Un giorno dopo l'altro, un bambino dopo l'altro”. E in 30 anni di attività il Centro di aiuto alla vita della clinica Luigi Mangiagalli di Milano ha strappato all’aborto 17.585 bambini. Ci tiene che il conto sia preciso Paola Marozzi Bonzi, anima del CAV milanese premiata con l’Ambrogino d’oro e che nel pomeriggio di domenica 1° febbraio è intervenuta a Cremona nel consueto incontro promosso in occasione della Giornata nazionale della vita. Lei che per ogni bambino che viene alla luce con soddisfazione afferma: «Oggi è nata una mamma!».

Photogallery

Contributi audio:

 

Ad accompagnare Paola Marozzi Bonzi, cieca da quando ha 24 anni per un virus incurabile, madre di 2 figli e oggi nonna di 4 nipoti, il presidente del Cav Mangiagalli, Matteo Castelli, che ha letto alcune delle storie raccontate dalla Bonzi nel libro “Un giorno dopo l'altro, un bambino dopo l'altro” edito per i 30 anni del Cav Mangiagalli, di cui l’incontro cremonese è voluto essere un ideale prolungamento dei festeggiamenti.

La prima storia raccontata è quella di Ornella e del suo bambino, Carlo, oggi quasi 30enne. Una vicenda segnata prima dall’idea di abortire e, dopo il parto, dalla scoperta dell’Aids. Ma a commuovere una sala in ascoltato nel più completo silenzio è stato anche ciò che è accaduto molti anni dopo quella nascita, quando Ornella riesce a rintracciare Paola Bonzi per comunicarle che suo figlio aspetta un bambino.

«Ogni volta che risento queste storie – ha affermato Paola Bonzi – mi sembra di essere lì con quelle persone, che io non voglio convincere». Su questo punto ha voluto essere estremamente chiara: «Noi non siamo lì per convincere nessuno». E aggiunge: «Sono persone spaventate, che non riescono a vivere con serenità. Il nostro è il tentativo far emergere la grande voglia di aderire a ciò che è bene. Sicuramente un bambino – le donne lo sanno perfettamente – è bene».

Paola Bonzi ha raccontato come avvengono gli incontri al Cav, i cui operatori non cerano le donne che intendono abortire, limitandosi invece ad aspettare la richiesta di un colloquio. Incontro che porta sempre alla richiesta delle operatrici: «Vuole vedere come è adesso il suo bambino?». L’immagine dell’ecografia apre sempre un pianto liberatorio e seguito dalle parole: «Ma questo è davvero un bambino! Ha già tutto!».

Poi il riferimento a un altro libro di Paola Bonzi, scritto per il 25esimo del Cav Mangiagalli: “Oggi è nata una mamma”. Un vero e proprio slogan per il gruppo di volontari milanesi: «Da una donna dubbiosa e spaventata, ma anche molto decisa ad abortire – ha spiegato la Bonzi – cerchiamo di far venir fuori una madre». Una vera e propria rinascita: non tanto fisica, quanto del cuore e della mente.

«Nulla è più forte della vita!» ha ribadito la fondatrice del Cav milanese prima di un'altra storia: quella del sostegno dato a una famiglia con un bambino che la medicina non è riuscita a far abortire. È nato comunque. «La vita ha vinto», anche se il tentativo di aborto ha lasciato nel corpo del bambino ferite che ora rendono necessari interventi chirurgici.

«Se un bambino non nasce – ha detto ancora la Bonzi – non manca solo ai suoi genitori, ma all'intera società. Nel gesto di toglierci una vita ci siamo privati di qualcosa di molto prezioso». Poi ha proseguito: «Compito di noi operatori è accendere una lucina perché rivedano la luce e possano uscire da questo tunnel che toglie la gioia di vivere».

Paola Bonzi ha raccontato anche della gioia con cui le neo mamme tornano per farle conoscere i propri bambini. Sempre con la frase: «Guarda che se sei nato è per merito di questa signora». Eppure lei non lo crede affatto: «Io rispondo sempre: chi è andata in sala parto? Il merito è tutto della mamma che ha saputo riprendersi il gusto della maternità permettendo a questo bimbo di venire al mondo».

Un racconto intessuto di esperienze e vicende in cui le coincidenze – o la Provvidenza – non mancano. Come nel caso di Claudia, cui è stata dato il contributo offerto da Gianna Emanuela (figlia di santa Gianna Elisabetta Molla). Una vicenda di solidarietà nella quale è emerso anche un particolare legame che inconsapevolmente era già stato instaurato con la scelta del nome del nascituro: senza alcuna motivazione specifica proprio quello di Emanuele/a.

O ancora la donna, con problemi economici e di salute, che disperatamente ha bisogno di 5mila euro per poter sistemare l’appartamento offerto dal Comune dopo lo sfratto. 2mila euro possono essere garantiti dai Servizi sociali e un altro dal Cav: proprio durante il colloquio la telefonata che annuncia una donazione: proprio 2mila euro.

Paola Bonzi scherza rimproverando il Creatore: «È vero che la Provvidenza arriva, però sempre all'ultimo!».

Tra gli aspetti su cui la fondatrice del cav milanese ha puntato l’attenzione anche il bisogno di grande professionalità da parte dei volontari. «Quando vedi piangere e star male le persone, la cosa che viene più facile è piangere con loro. Ma se facciamo così non aiuteremo più la mamma che ci sta parlando: bisogna saper distaccare quelle che sono le nostre emozioni dai sentimenti delle persone con cui si sta parlando». E ancora: «Ci vuole una condivisione non mostrata, ma profonda, perché la fatica delle donne che si hanno davanti diventi anche tua. E questo ti fa trovare anche la soluzione giusta».

Rispondendo alle domande formulate al termine dell’incontro, con soddisfazione la Bonzi ha sottolineato come su 10 donne che contattano il Cav Mangiagalli almeno 8, se non addirittura 9, decidono poi di non abortire. Poi una confessione: «Ogni giorno ricevo un regalo»: una mamma ringrazia o un aiuto da parte di qualche benefattore. «Mi sento ben voluta – ha concluso – da qualcuno che sta più in alto: il Signore della Vita».

L’incontro, incorniciato dagli interventi musicali dei giovanissimi violinisti degli Archetti di Cremona, gruppo musicale nato all’interno di un progetto della Pontesaund, è stato moderato dal dottor Paolo Emiliani, presidente del Movimento per la Vita di Cremona, che ha promosso l’incontro con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Cremona e in sinergia con il Centro di aiuto alla vita di Cremona, il Centro culturale S. Omobono e il Circolo “Voglio la mamma” di Cremona e Mantova.

 

Biografia di Paola Marozzi Bonzi

Paola Marozzi Bonzi, classe 1943, è madre di due figli e nonna di tre nipoti. Per anni insegnante di ragazzi in difficoltà  per un ritardo mentale, da sempre si occupa di psicologia e pedagogia. La sua vivace curiosità intellettuale l'ha portata a frequentare, all'interno della Facoltà  di Teologia, l'Istituto di Scienze Religiose. All'inizio degli anni Ottanta è diventata consulente familiare e nel 1984, presso la Clinica Luigi Mangiagalli di Milano, tra i più famosi istituti italiani che si occupano di maternità , ha fondato il "Centro di Aiuto alla Vita Mangiagalli" con lo scopo di poter aiutare le donne che sono in difficoltà  nel portare avanti una gravidanza. Grazie al proprio impegno più di 17mila bambini sono stati strappati all’aborto.

Paola Marozzi Bonzi è autrice di “Oggi è nata una mamma” (San Paolo Edizioni). Un libro che, in occasione del 25° di fondazione del Centro di Aiuto alla Vita "Mangiagalli", narra in un tutt'uno la storia della fondatrice del Centro, quella delle opere che via via sono state ideate per sostenere le mamme in difficoltà e alcune delle storie delle madri e delle coppie che il Centro ha accolto, ascoltato e sostenuto concretamente. Un libro che porta a comprendere dal di dentro ciò che succede attorno all'applicazione della legge 194 sull'interruzione volontaria della maternità e quanto poco basterebbe invece per favorire la maternità.

 

 

convegno firenze


Liturgia


In Evidenza

TUTTI A TAVOLA
Speciale dedicato
al Grest 2015
QUARESIMA
E PASQUA 2015
Eventi e liturgie
ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
FORMAZIONE SOCIO-POLITICA
I materiali del corso
VITA CONSACRATA
Religiose e religiosi
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
PASTORALE GIOVANILE
Formazione ed eventi
AGGREGAZIONI ECCLESIALI
Proposte ed eventi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
Zona1
AC
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona
dvd conte