HOME PAGE  |   AREA DOWNLOAD  |   CONTATTI



linee pastorali
IRC
ANNO PASTORALE 2015
adorazione
 
  PAPI
26 MARZO AL MUSEO DEL VIOLINO

Serata di musica e solidarietà
con il violinista Milenkovic
e il pianista Scaramuzza
Il ricavato devoluto a favore
delle famiglie bisognose

Condividi su Facebook Condividi su Facebook

È stata una serata di grande musica che ha potuto mettere in luce due giovani talenti e nello stesso tempo aiutare le famiglie bisognose della città. L’appuntamento è stata la sera di giovedì 26 marzo presso l'Auditorium Giovanni Arvedi del Museo del Violino di Cremona per il Concerto benefico promosso dalla Diocesi di Cremona, insieme al Comune di Cremona e alla Fondazione Arvedi Buschini con il contributo di numerosi sponsor. L'intero incasso della serata sarà devoluto in beneficenza a famiglie individuate dal Comune e dalla Diocesi di Cremona.

Photogallery

Nel dicembre 2013, una iniziativa analoga, con l’esibizione di Uto Ughi, Guido Rimonda e la Camerata Ducale, permise di raccogliere 20mila euro.

Quest’anno, invece, sul palcoscenico due talenti emergenti, giovani testimoni della rinnovata vitalità della musica da camera italiana: Teofil Milenković al violino e Emanuele Scaramuzza al pianoforte.

Lo straordinario violinista quattordicenne Teofil Milenković è, a dispetto della giovane età, già solidamente in carriera, vincitore di innumerevoli concorsi nazionali e internazionali, coronati dalla recente conquista della borsa di studio per giovani talenti violinistici della Filarmonica della Scala “Maura Giorgetti” - Unicredit. Il suo virtuosismo si somma a risorse interpretative sorprendenti, tanto più in un ragazzo di quest’età. È attualmente allievo dei Triennio superiore di Violino presso il Conservatorio “Claudio Monteverdi” di Bolzano dove ha iniziato a collaborare con il giovane pianista cremonese Emanuele Scaramuzza, anch’egli ora studente dei corsi superiori all’Istituto altoatesino ma diplomato col massimo dei voti e la lode all’Istituto Superiore di studi Musicali di Cremona e già vincitore di diversi concorsi per pianoforte solista e in duo.

Il programma ha visto eseguire capolavori assoluti del repertorio per violino e pianoforte che, allo stesso tempo, sono anche pagine brillanti e di facile ascolto, come la suggestiva seconda sonata, in sol maggiore, di Maurice Ravel, l’intensa Sonata per violino e pianoforte n. 8 in sol maggiore, op.30 n.3 di Ludwig van Beethoven e “Zigeurnerweisen” di Pablo de Sarasate.

Affiancando epoche, generi e repertori è stata disegnata dunque una traccia musicale che dal classicismo maturo è arrivata fino al novecento. Benché conservi echi settecenteschi amabili e scherzosi, l’ottava sonata di Beethoven è già innervata da una scrittura strumentale profondamente personale, soglia di una “ganz neue Manier”, per usare un’espressione del compositore. La “maniera del tutto nuova” è subito evidente nei chiassosi e bonari passaggi all'unisono di cui abbonda il primo tempo e che caratterizzano il tema principale. Anche il movimento centrale muove da una “citazione” di Minuetto ma lo sviluppo è decisamente più vigoroso; di stampo virtuosistico il pirotecnico “moto perpetuo” del gaio Finale.

Assai lontano – a tratti perfino deliberatamente in contrasto - dalla profondità speculativa germanica e classicista, Pablo de Sarasate è campione di un virtuosismo eclettico: anche in “Zigeurnerweisen” op.20 si assapora appieno la linfa vitale del gusto e del divertimento impliciti in quel violinismo tardo ottocentesco, forse di maniera ma sempre molto gratificante per interpreti ed ascoltatori.

Punto di conciliazione diviene dunque la Sonata n.2 per violino e pianoforte di Maurice Ravel, che all’apparenza sembra ripercorrere gli schemi formali della tradizione mitteleuropea, soprattutto nell'articolazione in tre movimenti, perfino echeggiando archetipi beethoveniani. Ma non mancano spunti di novità, quali il ricorso ad atteggiamenti strumentali di stampo jazzistico ed all’inusuale definizione “Blues” del tempo centrale.

Il Concerto è stato realizzato grazie al contributo di Associazione Industriali Cremona, Bearesi, Confartigianato Imprese Cremona, Confcommercio Imprese per l’Italia Cremona, CremonaFiere, EI Towers, Enoteca Emporio Vini e Sapori, Falegnameria Spotti, Tipolitografia Fantigrafica, Reale Mutua Assicurazioni, VisionOttica Bonardi, Mdv friends.

A chiudere la serata il saluto del sindaco Galimberti, affiancato da mons. Ruggero Zucchelli e dal cav. Giovanni Arvedi.

I curricula dei due giovani musicisti

 

 

convegno firenze


Liturgia


In Evidenza

TUTTI A TAVOLA
Speciale dedicato
al Grest 2015
QUARESIMA
E PASQUA 2015
Eventi e liturgie
ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
FORMAZIONE SOCIO-POLITICA
I materiali del corso
VITA CONSACRATA
Religiose e religiosi
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
PASTORALE GIOVANILE
Formazione ed eventi
AGGREGAZIONI ECCLESIALI
Proposte ed eventi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
Zona1
AC
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona
dvd conte