HOME PAGE  |   AREA DOWNLOAD  |   CONTATTI



linee pastorali
IRC
ANNO PASTORALE 2015
adorazione
 
  PAPI
8 DICEMBRE - 20 NOVEMBRE 2016

Misericordiosi come il Padre
Presentato in Vaticano
il Giubileo della Misericordia
Tutti i dettagli su come sarà

Condividi su Facebook Condividi su Facebook

“Misericordiosi come il Padre” è questo il motto scelto per il Giubileo della Misericordia che avrà luogo dall’8 dicembre 2015 al 20 novembre 2016. Immagine simbolo quella di Cristo Buon Pastore che si carica sulle spalle l’uomo smarrito, stilizzata dal noto artista gesuita padre Marko Ivan Rupnik. «Siamo convinti che il tema della Misericordia con la quale Papa Francesco ha immesso la Chiesa nel cammino giubilare potrà essere un momento di vera grazia per tutti i cristiani e un risveglio per continuare nel percorso di nuova evangelizzazione e conversione pastorale che il Papa ci ha indicato», ha affermato il Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione mons. Salvatore Fisichella in occasione della presentazione avvenuta in Vaticano.

 

Il senso del Giubileo

«Nell’Esortazione apostolica Evangelii gaudium, che permane come la carta programmatica del pontificato di Papa Francesco, – ha spiegato mons. Fisichella – un’espressione è sintomatica per cogliere il senso del Giubileo straordinario che è stato indetto lo scorso 11 aprile: “La Chiesa vive un desiderio inesauribile di offrire misericordia, frutto dell’aver sperimentato l’infinita misericordia del Padre e la sua forza diffusiva” (Eg 24). È a partire da questo desiderio che bisogna rileggere la Bolla di Indizione del Giubileo Misericordiae vultus dove Papa Francesco delinea le finalità dell’Anno Santo».

E ancora: «Questo è un Giubileo tematico. Si fa forte del contenuto centrale della fede e intende richiamare la Chiesa alla sua missione prioritaria di essere segno e testimonianza della misericordia in tutti gli aspetti della sua vita pastorale. Penso, da ultimo, al richiamo fatto da Papa Francesco all’Ebraismo e all’Islam per ritrovare proprio sul tema della misericordia la via del dialogo e del superamento delle difficoltà che sono di dominio pubblico. Per non dimenticare, da ultimo, un ulteriore tratto di originalità è offerto dai Missionari della Misericordia. Papa Francesco darà loro il mandato il Mercoledì delle Ceneri con la celebrazione in san Pietro. I Missionari dovranno essere sacerdoti pazienti, capaci di comprendere i limiti degli uomini, ma pronti ad esprimere l’afflato del buon Pastore, nella loro predicazione e nella confessione. Non vorrei, comunque, soffermarmi a lungo su questioni di carattere generale per entrare maggiormente nel merito dell’organizzazione dell’Anno Santo».

 

I tempi

Il Giubileo della Misericordia avrà inizio l’8 dicembre prossimo, solennità dell’Immacolata Concezione, con l’apertura della Porta Santa nella Basilica di San Pietro. Si concluderà dopo poco meno di un anno, il 20 novembre 2016, solennità di Gesù Cristo Signore dell’Universo. All’interno di queste due date si sviluppa un calendario di celebrazioni con differenti eventi.

 

I luoghi

Il Giubileo della Misericordia sarà vissuto a Roma così come nelle Chiese locali, alle quali, per la prima volta nella storia dei Giubilei, viene offerta la possibilità di aprire la Porta Santa (Porta della Misericordia) anche nelle singole diocesi, in particolare nella Cattedrale o in una chiesa particolarmente significativa o in un Santuario di particolare importanza per i pellegrini.

«Questo fatto – ha precisato mons. Fisichella – comporta un’attenzione particolare alla vita delle singole Chiese e alle loro esigenze, in modo che le iniziative non siano un sovrapporsi al calendario, ma tali da essere piuttosto complementari. Il Giubileo della Misericordia non intende essere il Grande Giubileo dell’Anno 2000. Ogni confronto, quindi, è privo di significato perché ogni Anno santo porta con sé la sua peculiarità e le finalità proprie».

 

Il logo

Il logo, opera del padre gesuita Marko Ivan Rupnik, rappresenta una summa teologica della misericordia. Si tratta di una rivisitazione dell’immagine del Buon Pastore, molto cara alla Chiesa antica, che indica l’amore di Cristo che porta a compimento il mistero della sua incarnazione con la redenzione: propone il Figlio che si carica sulle spalle l’uomo smarrito. Il disegno è realizzato in modo tale da far emergere che il Buon Pastore tocca in profondità la carne dell’uomo e lo fa con amore tale da cambiargli la vita. Un particolare, inoltre, non può sfuggire. Il Buon Pastore con estrema misericordia si carica l’umanità, ma i suoi occhi si confondono con quelli dell’uomo. Cristo vede con l’occhio di Adamo e questi con l’occhio di Cristo. Ogni uomo quindi scopre in Cristo la propria umanità e il futuro che lo attende.

La scena si colloca all’interno della mandorla, anch’essa figura cara all’iconografia antica e medioevale, che richiama la compresenza delle due nature, divina e umana, in Cristo. I tre ovali concentrici, di colore progressivamente più chiaro verso l’esterno, suggeriscono il movimento di Cristo che porta l’uomo fuori dalla notte del peccato e della morte. D’altra parte, la profondità del colore più scuro suggerisce anche l’imperscrutabilità dell’amore del Padre che tutto perdona.

 

Il motto

“Misericordiosi come il Padre” (in latino "Misericordes sicut Pater") è il motto del Giubileo della Misericordia, tratto da Lc 6,36: si propone di vivere la misericordia sull’esempio del Padre che chiede di non giudicare e di non condannare, ma di perdonare e di donare amore e perdono senza misura (cfr Lc 6,37-38).

 

Il sito internet

Predisposto il sito internet ufficiale www.iubilaeummisericordiae.va, disponibile in sette lingue: Italiano, Inglese, Spagnolo, Portoghese, Francese, Tedesco e Polacco. Nel sito si potranno trovare le informazioni ufficiali sul calendario dei principali eventi pubblici, le indicazioni per la partecipazione agli eventi con il Santo Padre e ogni altra comunicazione ufficiale relativa al Giubileo. Le Diocesi, attraverso questo strumento, potranno ricevere informazioni e suggerimenti pastorali, iscriversi per far conoscere il loro pellegrinaggio e comunicare le iniziative diocesane.

 

Gli eventi

Diversi gli eventi organizzati rivolti ai fedeli. Il primo, dal 19 al 21 gennaio, è dedicato a tutti coloro che operano nel pellegrinaggio: ai pellegrini sarà chiesto di compiere un tratto a piedi, per prepararsi a oltrepassare la Porta Santa con spirito di fede e di devozione. «Preparare quanti operano in questo settore per andare oltre la sfera del turismo è decisivo – ha sottolineato mons. Fisichella – e il fatto che loro per primi si facciano pellegrini potrà essere di grande aiuto».

La giornata del 3 aprile sarà riservata invece ai credenti che in modo particolare vivono l’esperienza della misericordia: in programma una celebrazione per tutto il variegato mondo che si ritrova nella spiritualità della misericordia (movimenti, associazioni, istituti religiosi).

Tutto il mondo del volontariato caritativo, a sua volta, sarà chiamato a raccolta il 4 settembre. «Il volontariato – ha affermato mons. Fisichella – è il segno concreto di chi vive le opere di misericordia nelle sue diverse espressioni e merita una celebrazione riservata».

Alla stessa stregua, si è pensato al mondo della spiritualità mariana che avrà la sua giornata il 9 ottobre per celebrare la Madre della Misericordia.

Non mancano eventi dedicati in particolare ai ragazzi che dopo la Cresima sono chiamati a professare la fede: il 24 aprile.

Un altro evento sarà per i diaconi che per vocazione e ministero sono chiamati a presiedere la carità nella vita della comunità cristiana: il 29 maggio.

Nel 160° anniversario della Festa del Sacro Cuore di Gesù, il 3 giugno, invece, si celebrerà il Giubileo dei sacerdoti.

Il 25 settembre sarà il Giubileo dei catechisti, che con il proprio impegno di trasmettere la fede sostengono la vita delle comunità cristiane in particolare nelle nostre parrocchie.

Il 12 giugno il grande richiamo sarà per tutti gli ammalati e le persone disabili e quanti si prendono cura di loro con amore e dedizione.

Il 6 novembre sarò celebrato il Giubileo dei carcerati, che non avverrà solo nelle carceri: è al vaglio degli organizzatori la possibilità che alcuni carcerati possano avere l’opportunità di celebrare con Papa Francesco in san Pietro il loro proprio Anno Santo.

 

I segni del Papa

Una seconda prospettiva sarà realizzata con alcuni segni che Papa Francesco compirà in modo simbolico raggiungendo alcune “periferie” esistenziali per dare di persona testimonianza della vicinanza e dell’attenzione ai poveri, ai sofferenti, gli emarginati e a quanti hanno bisogno di un segno di tenerezza. Momenti dal valore simbolico che anche i vescovi e i sacerdoti saranno chiamati a compiere nelle rispettive diocesi lo stesso segno, in comunione con il Papa, perché a tutti possa giungere un segno concreto della misericordia e della vicinanza della Chiesa.

Come segno concreto della carità del Papa, che rimanga come memoria di questo Giubileo, verrà effettuato un gesto significativo venendo incontro ad una realtà bisognosa nel mondo, per esprimere la Misericordia in un aiuto concreto e fattivo.

 

L'accoglienza a Roma

Una particolare attenzione sarà riservata anche ai tanti pellegrini che giungeranno a Roma singolarmente e senza un’organizzazione alle spalle. Per loro saranno individuate alcune chiese del centro storico dove potranno trovare accoglienza, vivere momenti di preghiera e di preparazione per attraversare la Porta Santa con la preparazione più coerente con l’evento spirituale che si celebra.

 

 

 

convegno firenze


Liturgia


In Evidenza

TUTTI A TAVOLA
Speciale dedicato
al Grest 2015
QUARESIMA
E PASQUA 2015
Eventi e liturgie
ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
FORMAZIONE SOCIO-POLITICA
I materiali del corso
VITA CONSACRATA
Religiose e religiosi
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
PASTORALE GIOVANILE
Formazione ed eventi
AGGREGAZIONI ECCLESIALI
Proposte ed eventi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
Zona1
AC
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona
dvd conte