HOME PAGE  |   AREA DOWNLOAD  |   CONTATTI



linee pastorali
IRC
ANNO PASTORALE 2015
adorazione
 
  PAPI
CURA DELLA CASA COMUNE

L'ecologia: un atto di amore
verso la Creazione
L'enciclica Laudato si'
presentata da don Bignami

Condividi su Facebook Condividi su Facebook

Giovedì 18 giugno, nell’Aula Nuova del Sinodo in Vaticano, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’Enciclica del Santo Padre Francesco “Laudato si’, sulla cura della casa comune”. In 192 pagine, 6 capitoli, 246 paragrafi, Papa Bergoglio disegna un vero e proprio manifesto-appello a 360° per «unire tutta la famiglia umana nella ricerca di uno sviluppo sostenibile e integrale», a partire dalle «drammatiche conseguenze del degrado ambientale nella vita dei più poveri del mondo». Di seguito pubblichiamo la presentazione dell’Enciclica a cura di don Bruno Bignami, teologo morale cremonese profondo conoscitore di queste tematiche.

 

L’enciclica Laudato sì (LS) è il primo documento sociale di papa Francesco. La novità è che per la prima volta la dottrina sociale della Chiesa (DSC) si cimenta in una riflessione articolata sulla crisi ecologica.

Quando si parla di problemi ambientali, facilmente si apre il «libro delle lamentazioni» a causa delle ripetute catastrofi. Il degrado ambientale mostra il volto della terra sfigurato. Tuttavia, papa Francesco non cade vittima del pessimismo. Cerca di assumere lo sguardo di Dio sulla creazione. Esistono drammatiche situazioni d’inquinamento, ma l’uomo è «capace di» bene. Ha mostrato di saper risanare fiumi inquinati, di recuperare boschi o abbellire paesaggi, di progettare città d’arte, di produrre energia rinnovabile… «La speranza ci invita a riconoscere che c’è sempre una via di uscita, che possiamo sempre cambiare rotta» (n.61).

Stando alla LS, emergono due questioni etiche fondamentali: la necessità di superare la cultura dello scarto e di promuovere l’ecologia umana.

Siamo sommersi di rifiuti d’ogni genere. La terra sembra essersi trasformata in un deposito di immondizie e molte scelte si sono rivelate irreversibili sulla vita delle persone. E’ la logica della cultura dello scarto, «che colpisce tanto gli esseri umani esclusi quanto le cose che si trasformano velocemente in spazzatura» (n.22). Il criterio etico che emerge è quello dell’«usa e getta». Le persone finiscono per essere ridotte a oggetti.

L’enciclica approfondisce anche il concetto di «ecologia umana». L’espressione fa riferimento alla cura dell’uomo «contro la distruzione di se stesso» (LS 79), ma apre ad una visione antropologica dove l’umanità è pensata in termini di «uscita». La cura di sé è diventata l’ossessione del nostro tempo: l’esito è un addestramento al dispotismo e all’indifferenza. Così, «il deterioramento etico e culturale» (n.162) accompagna quello ecologico: lo prepara e lo sostiene. Molti problemi sociali odierni, infatti, sono in relazione con la ricerca egoistica della soddisfazione immediata, con la crisi dei legami, con la difficoltà a riconoscere l’altro.

Pertanto, la conversione ecologica è urgente: «una strategia di cambiamento reale esige di ripensare la totalità dei processi» (n.197). Se è vero che è sempre possibile sviluppare una nuova «capacità di uscire da se stessi» (n. 208), la prima trasformazione è quella interiore. LS invoca uno sforzo di formazione delle coscienze, allenate alla gratuità. I problemi sociali possono avere risposte adeguate solo tessendo reti comunitarie, non cercando semplicemente l’interesse particolare di ciascuno. Per questo la conversione ecologica è anche conversione comunitaria. Mette in campo stili di vita sobri.

L’enciclica non pecca di astrattezza. Si può ben spigolare al suo interno le proposte di atteggiamenti ecologicamente sostenibili: riguardano i singoli e le città, i beni comuni e la spesa familiare, l’educazione e la cittadinanza. Non manca neppure l’indicazione di piccole azioni quotidiane capaci di tutelare l’ambiente: «evitare l’uso di materiale plastico o di carta, ridurre il consumo di acqua, differenziare i rifiuti, cucinare solo quanto ragionevolmente si potrà mangiare, trattare con cura gli altri esseri viventi, utilizzare il trasporto pubblico o condividere un medesimo veicolo tra varie persone, piantare alberi, spegnere le luci inutili, e così via» (n.211). Tutto ciò appartiene al bene se diviene un atto di amore verso la creazione e se esprime la dignità umana. E’ un impegno affidato ad ogni credente e ad ogni uomo di buona volontà.

don Bruno Bignami

 

Gli interventi in conferenza stampa:

 

Il testo integrale dell’Enciclica


 

convegno firenze


Liturgia


In Evidenza

TUTTI A TAVOLA
Speciale dedicato
al Grest 2015
QUARESIMA
E PASQUA 2015
Eventi e liturgie
ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
FORMAZIONE SOCIO-POLITICA
I materiali del corso
VITA CONSACRATA
Religiose e religiosi
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
PASTORALE GIOVANILE
Formazione ed eventi
AGGREGAZIONI ECCLESIALI
Proposte ed eventi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
Zona1
AC
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona
dvd conte