HOME PAGE  |   AREA DOWNLOAD  |   CONTATTI



linee pastorali
IRC
ANNO PASTORALE 2015
adorazione
 
  PAPI
TURIN FOR YOUNG

Conclusa la visita apostolica
di Papa Francesco a Torino
Anche Cremona rappresentata
alla mini-Gmg di domenica

Condividi su Facebook Condividi su Facebook

Alle 16.45 di lunedì 22 giugno l’ultimo bagno di folla per Papa Francesco, che in papamobile ha lasciato l’Arcivescovato, concludendo così il viaggio apostolico iniziato domenica mattina a Torino nell’ambito della chiusura del bicentenario della nascita di san Giovanni Bosco e l’ostensione della Sindone. Tra le 200mila persone che domenica hanno gremito fino all’inverosimile Piazza Vittorio (in foto), il salotto buono della “movida” cittadina, teatro in mattinata della Messa iniziale e della “mini-Gmg” nel tardo pomeriggio, anche una rappresentanza cremonese. Gli Oratori di Pandino, Casirate, Salina-Buzzoletto, S. Marino-Pieve Delmona e Brignano, infatti, hanno aderito alla proposta di pellegrinaggio della Federazione Oratori Cremonesi. Ma non mancavano neppure una 20ina di giovani del Coro Effatà Hope di Calcio, che si è unito al grande coro che ha animato le celebrazioni torinesi.

 

Il pellegrinaggio FOCr

L’esperienza dei giovani cremonesi guidati da don Paolo Arienti, il responsabile diocesano per la Pastorale giovanile, è stata quella di un sabato e una domenica di cammino, esperienza e profondità, in una Torino in fermento per l’attesa di Francesco. Una Torino che con i suoi ritmi, i suoi volti e le sue frenesie ha come restituito la verità delle cose: bellezza e miseria, santità e degrado, silenzio e concitazione… tutto insieme, come è la vita.

 

E poi le migliaia di giovani confluiti al “Turin for young” per celebrare l' “Amore più grande”, per incontrarlo e coglierne la bellezza: non certo quella estetica. Il profeta Isaia avvertirebbe che nel volto del figlio dell’uomo non c’è bellezza né attrattiva esteriore; certamente la bellezza che viene dall’amore e dalla forza della profezia. È questo che la Sindone e la storia di santità di tante figure carismatiche della Torino dall’800 ad oggi hanno rimandato ai giovani pellegrini, tra cui appunto anche una delegazione diocesana.

 

Quattro le tappe più significative per il gruppo cremonese: il percorso che ha portato i ragazzi alla Sindone, icona dell’amore più grande, nel cuore del Duomo di Torino; il trasferimento a Valdocco, sui passi dei primi Oratori che don  Bosco volle costruire innanzitutto come spazi umani, di relazione e di accoglienza, tra mille difficoltà che anticipavano forse tanti problemi e tanti dubbi ancora attuali; il cammino verso la zona del Santo Volto e dello spazio industriale dismesso che ha visto nella serata di sabato la celebrazione di una suggestiva veglia con l’arcivescovo Nosiglia; l’incontro, nell’assolata e splendida mattina di domenica, con papa Francesco.

 

 

 

Il Pontefice ha messo da parte il testo scritto per dialogare più di un’ora a tutto campo con i giovani, chiedendo loro – ma non da “moralista” – di “vivere casti” e di “fare controcorrente”, per contrastare la società fatta di “bolle di sapone”. “Vivete, non vivacchiate”, il suo invito sulla scorta di Piergiorgio Frassati: non si può andare in pensione a vent’anni.

Il messaggio del Papa è stato come sempre incisivo e ha toccato i temi del coraggio, della relazione tra gli uomini, della passione per la giustizia e la verità: terreni su cui è necessario che si formino le coscienze anche dei più giovani, spesso smarriti e chiusi, i primi consumatori dell’economia di scarto che spinge a rimanere in superficie.

 

Ed è l' “Amore più grande” che il Papa ha indicato come misura del coraggio e della voglia di non lasciarsi “morire giovani”, perché il mondo attende il contributo di buoni cristiani ed onesti cittadini. La storia è il luogo di questa sfida: ogni luogo, ogni comunità, ogni relazione. Dall’atrium misericordie (dove si è vissuto ancora il miracolo di un fiume di confessioni giovani) e dall’adorazione notturna agli oratori e alle storie nostrane: questo l’itinerario a ritroso che Torino ha consegnato a ciascuno.

 

Il Coro Effatà Hope

A rappresentare la diocesi di Cremona, con una prospettiva privilegiata, il Coro Effatà Hope: il gruppo giovanile dell'Oratorio S. Cuore di Calcio. Una 20ina di ragazzi del coro bergamasco si sono uniti al Grande Coro Hope che ha animato dal palco sia la veglia di sabato 20 giugno che l'incontro di domenica pomeriggio con il santo Padre. Da segnalare anche che proprio uno dei giovani di Calcio, Cristian Bariselli, è stato scelto come voce solista.

 

Le tappe del viaggio apostolico

Un viaggio per “venerare la Sindone e onorare la memoria di don Bosco”, ma anche per ritrovare le radici di un “nipote di questa terra”, come lui stesso si è definito. La terra di nonna Rosa e nonno Giovanni, che si sono sposati nella chiesa di Santa Teresa, mèta di una sosta fuori programma per lasciare una dedica su una pergamena e far risaltare il valore dei nonni, del battesimo, delle famiglie, e pregare in particolare per il prossimo Sinodo. Nella prima giornata a Torino, il Papa “venuto dalla fine del mondo” è tornato a casa.

Francesco si è detto molto contento e soddisfatto della calorosa accoglienza ricevuta a Torino. Accoglienza che è andata ben oltre le sue aspettative. Ogni incontro è stato molto importante: con il mondo del lavoro, la famiglia salesiana, i giovani, la comunità del Cottolengo. Incontri che hanno assunto un valore particolare nel contesto del grande momento di preghiera silenziosa davanti alla Sindone e dell’incontro di lunedì mattina con i fratelli e le sorelle valdesi.

Un grande valore ha assunto la visita alla chiesa di Santa Teresa, dove si sono sposati i nonni paterni di Papa Francesco, e dove è stato battezzato il padre Mario. Un gesto che, nell’anno del Sinodo, il Papa ha voluto compiere proprio per ribadire il valore della famiglia e del Battesimo. E per questo ha voluto baciare il fonte battesimale. Nella chiesa dove è nata la famiglia dei suoi avi il santo Padre ha pregato per tutte le famiglie e per il buon esito del Sinodo.

 

 

 

convegno firenze


Liturgia


In Evidenza

TUTTI A TAVOLA
Speciale dedicato
al Grest 2015
QUARESIMA
E PASQUA 2015
Eventi e liturgie
ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
FORMAZIONE SOCIO-POLITICA
I materiali del corso
VITA CONSACRATA
Religiose e religiosi
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
PASTORALE GIOVANILE
Formazione ed eventi
AGGREGAZIONI ECCLESIALI
Proposte ed eventi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
Zona1
AC
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona
dvd conte