HOME PAGE  |   AREA DOWNLOAD  |   CONTATTI



linee pastorali
IRC
ANNO PASTORALE 2015
adorazione
 
  PAPI
DOMENICA 28 GIUGNO

Accolta in Cattedrale la tela
dell'Apparizione a Caravaggio
donata dai Padri Saveriani
Solenne Messa del Vescovo

Condividi su Facebook Condividi su Facebook

Al temine della Messa delle ore 11, che il vescovo di Cremona, mons. Dante Lafranconi, domenica 28 giugno ha presieduto in Cattedrale, sono stati benedetti i quadri installati sulla parete di controfacciata del transetto meridionale, affacciato su piazza S. Antonio Maria Zaccaria. Accanto a due ante d’organo raffiguranti l’Annunciazione, è stata posta una tela, attribuita al Massarotti o alla sua scuola, con la scena dell’Apparizione a Caravaggio della Madonna di S. Maria del Fonte, patrona della Diocesi insieme a S. Omobono, e la cui raffigurazione per la prima volta è posta nella Chiesa madre della diocesi. L’opera è stata donata alla Cattedrale dai Padri Saveriani, che sino al 2013 l’hanno custodita nella loro casa cremonese, in via Bonomelli.

Photogallery

Contributi audio:

 

Insieme a mons. Lafranconi ha concelebrato mons. Giorgio Biguzzi, vescovo emerito di Makeni (Sierra Leone). Presente anche il superiore regiobale dei Saveriani in Italia con alcuni confratelli e alcuni dei canonici del Capitolo della Cattedrale, tra cui il parroco del Duomo mons. Alberto Franzini, il procuratore per la Cattedrale mons. Ruggero Zucchelli e il responsabile dell’Ufficio diocesano per i Beni culturali ecclesiastici mons. Achille Bonazzi.

All’inizio della Messa mons. Franzini ha sottolineato i significati della donazione alla Cattedrale da parte dei Saveriani della tela dell’Apparizione della Madonna di Caravaggio. Anzitutto giunge così in Cattedrale l’immagine di S. Maria del Fonte, proclamata nel 1962 da san Giovanni XXIII patrona principale (insieme a S. Omobono) della Diocesi di Cremona.

La tela, inoltre, sarà per Cremona memoria dell’istituzione saveriana, voluta e inaugurata in Diocesi nel 1930 dallo stesso fondatore, il vescovo Guido Maria Conforti. I padri saveriani sono rimasti a Cremona sino al 2013. Per 83 anni la città e la diocesi di Cremona hanno potuto godere della loro preziosa e feconda presenza. La casa saveriana cremonese è sempre stata sede e animatrice di tanti incontri, rivolti soprattutto ai giovani, che hanno potuto respirare la dimensione universale della Chiesa e crescere nel loro cammino umano e cristiano. Sono 66 i saveriani originari della diocesi di Cremona.

Nell’omelia il vescovo Lafraconi si è soffermato soprattutto sulla pagina evangelica, guardando al tema della morte, ma soprattutto alla fede nella risurrezione garantita da Cristo. Non è mancato neppure un riferimento a quelle morti davanti alle quali non si riesce a trovare una spiegazione e alle «morti insensate, causate dalle stragi che quotidianamente siamo costretti ad ascoltare», senza dimenticare neppure i tanti martiri cristiani di oggi. «Mentre noi guardiamo alla destinazione ultima della nostra partecipazione beata alla vita stessa di Dio – ha detto il Vescovo – noi sappiamo dare la misura giusta anche alle cose di questo mondo, anche alle vicende che ci toccano in questa vita terrena».

Non è mancato neppure un pensiero rivolto ai missionari, in particolare i Saveriani presenti, cui mons. Lafranconi si è rivolto al termine dell’omelia: «Cari fratelli missionari, noi gradiamo volentieri l'omaggio di questo quadro, ma vogliamo anche dirvi che non ci accontenteremo di contemplare la Madonna e di pregarla. Ogni volta che noi la guarderemo penseremo a voi come missionari, la pregheremo anche perché non venga meno, mai, la vocazione di missionari nelle nostre Chiese. È stato detto, in un documento della CEI, che la fede si mantiene nella misura in cui la si comunica, la si proclama con la testimonianza della vita, in qualsiasi ambiente della nostra esistenza, ma anche con questo andare. Mentre pensiamo oggi anche al Santo Padre, pensiamo a tutta la Chiesa nella sua cattolicità, che ha sempre bisogno di testimoni che restano dentro la loro nazione, il loro paese, la loro vita quotidiana, per dire che credono nella risurrezione, per dirlo con i fatti; una Chiesa che ha sempre bisogno di missionari che partano. Sia così anche per la nostra chiesa di Cremona».

Dopo la benedizione finale ha preso la parola il superiore generale dei Saveriani, che ha ricordato l’importante presenza a Cremona dell’Istituto, di cui ha tracciato un profilo.

Poi mons. Antonio Trabucchi, canonico della Cattedrale e collaboratore parrocchiale del Duomo, oltre che direttore del periodico del Santuario di Caravaggio, ha inquadrato dal punto di vista storico e artistico le opere posizionate nel transetto meridionale.

Sulla sinistra una pregevole tela, attribuita al Massarotti o alla sua scuola, che propone la scena dell’apparizione della Madonna di S. Maria del Fonte a Giannetta, avvenuta a Caravaggio il 26 maggio 1432. L’opera è stata donata alla Cattedrale di Cremona dai Padri Saveriani, che sino al 2013 l’hanno custodita nella loro casa cremonese, in via Bonomelli, e, successivamente, nella Casa madre di Parma.

A fianco due ante d’organo, dei primi anni del 1500, raffiguranti l’Annunciazione: su una l’angelo annunciante; sull’altra la Madonna. Attribuite dagli storici dell’arte (in primis Puerari) a Tommaso Aleni, la tela, però, presenta sul retro la scritta Boccaccio Boccaccino. Ad avvalorare la nuova attribuzione dell’opera anche la verosimiglianza con la lunetta dell’Annunciazione nell’arco del presbiterio.

I Vescovi e gli altri sacerdoti concelebranti, seguiti da numerosi fedeli presenti, si sono quindi portati davanti ai quadri, dove è stata recitata una preghiera a S. Maria del Fonte.

La Messa, animata con il canto dalla corale di Pozzaglio diretta da Elena Mainardi, ha visto anche la presenza dei volontari dell’Happening.

A caratterizzare la mattinata della Cattedrale anche un nuovo intervento dei vigili del fuoco che, calandosi dal Torrazzo, hanno concluso la pulitura della torre dalle erbe infestanti.

 

 

 

convegno firenze


Liturgia


In Evidenza

TUTTI A TAVOLA
Speciale dedicato
al Grest 2015
QUARESIMA
E PASQUA 2015
Eventi e liturgie
ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
FORMAZIONE SOCIO-POLITICA
I materiali del corso
VITA CONSACRATA
Religiose e religiosi
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
PASTORALE GIOVANILE
Formazione ed eventi
AGGREGAZIONI ECCLESIALI
Proposte ed eventi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
Zona1
AC
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona
dvd conte