HOME PAGE  |   AREA DOWNLOAD  |   CONTATTI



linee pastorali
IRC
ANNO PASTORALE 2015
adorazione
 
  PAPI
OTTOBRE MISSIONARIO

La vita in Africa raccontata
da fra Boldrini (francescano)
e padre Facchetti (saveriano)
missionari originari di Viadana

Condividi su Facebook Condividi su Facebook

L'Africa raccontata dalla parte degli africani: la sua gente, i suoi problemi, le sue lotte, le sue speranze. È stata un'interessante lezione di geografia, storia, economia, costumi e società, quella offerta la sera di giovedì 8 ottobre all’auditorium Itc di Viadana dai missionari fra Paolo Boldrini (francescano minore rinnovato, attualmente in Tanzania) e padre Andrea Facchetti (saveriano in Mozambico). Una fortuita casualità ha permesso di avere contemporaneamente nella città natale i due religiosi viadanesi, e per questo tanti concittadini ed amici non hanno voluto mancare all'appuntamento.

Fra Paolo, che è diacono, assieme ad altri due frati collabora ormai da diversi anni col parroco (sacerdote della diocesi di Iringa) di Pomerini: una parrocchia composta da una ventina di comunità, le più distanti delle quali sono separate da circa 70 chilometri di strade sterrate e sentieri.

Con altri due confratelli, padre Andrea ha invece la responsabilità della parrocchia di Charre: settantasei comunità cristiane, su circa duecento villaggi, in una fascia di 220 chilometri tra il fiume Zambesi ed il confine col Malawi.

Le comunità cattoliche di Pomerini e Charre distano circa 1500 chilometri in linea d'aria; nonostante le differenze di lingua, cultura, contesto geografico e clima, mostrano però anche significative analogie. In entrambe le situazioni ad esempio, proprio in considerazione dell'estensione della parrocchia, i sacerdoti non possono arrivare dappertutto ed essere costantemente presenti; e dunque l'evangelizzazione passa per una forte responsabilizzazione dei laici.

«Abbiamo costituito – ha spiegato padre Andrea – diversi ministeri: c'è chi si occupa della carità, chi della preghiera, chi dei funerali, chi del catechismo, chi della carità, chi della commissione “Giustizia e pace”. Ognuno di loro, debitamente formato dai missionari, ha i suoi compiti; e le singole comunità sanno andare avanti da sole».

Alcuni elementi della religiosità tradizionale africana (la poligamia, la sottomissione delle donne, la credenza negli spiriti, le superstizioni) rivestono ancora una certa importanza nella cultura popolare. «Più che di una “nuova evangelizzazione” – ha sottolineato Fra Paolo – abbiamo bisogno di una “evangelizzazione in profondità”, e dobbiamo continuare a lavorare perché il messaggio cristiano sia recepito un po' meno superficialmente».

Le case dei missionari, oltre che un riferimento per la vita religiosa e spirituale, sono anche centri di ascolto e di promozione di opere di solidarietà e sviluppo. Fra Paolo, ad esempio, negli ultimi tempi si è impegnato nella realizzazione di progetti per la formazione dei contadini (tecniche di coltivazione) e delle donne (salute, prevenzione), oltre che nella distribuzione di alimenti per le famiglie bisognose: iniziative finanziate con 250mila euro in tre anni da fondi derivanti dall'8 per mille. Per il futuro, si pensa invece alla fondazione di un istituto superiore agrario.

Padre Andrea segue invece direttamente la commissione parrocchiale “Giustizia e pace”. «Politici corrotti e multinazionali aggressive – ha spiegato il saveriano – si accaparrano le risorse: legname, terreni, miniere. Poche mani controllano le grandi potenzialità di sviluppo economico e sociale di queste terre. In commissione, proviamo a leggere queste realtà in una prospettiva evangelica, ad aprire gli occhi, a trovare il coraggio di denunciare e far valere le nostre ragioni davanti agli approfittatori».

«Per rialzarsi – hanno concluso i due religiosi viadanesi – l'Africa non ha bisogno di elemosina, ma di giustizia».

Nei prossimi giorni Fra Paolo sarà impegnato in un breve tour in Italia come testimonial di un progetto di cooperazione internazionale promosso dal Cefa, una onlus bolognese. Tramite Cefa, anche l'esposizione internazionale Expo 2015 (non per nulla dedicata al tema dell'alimentazione) si è impegnata a sostenere progetti per un'agricoltura sostenibile e un'alimentazione sana nei Paesi più poveri. Fra Paolo ne parlerà lunedì a “Quinta colonna” (programma televisivo di Rete4) e giovedì a “Mattino 5” (Canale5) e TgCom24 (edizione delle 19).

Riccardo Negri

 

Biografia di fra Paolo Boldrini
 
Fra Paolo Boldrini è frate dal 1975 e diacono, come san Francesco, dal 1981. Il carisma dell'Assisiate lo scopre frequentando le scuole dei francescani prima sul Lago di Garda e poi a Brescia. Ma la svolta vera arriva quando Marino, questo il nome di Battesimo, conosce i frati minori rinnovati di Corleone, una congregazione diocesana formata nel 1972 da uno sparuto gruppo di cappuccini che desiderava vivere con profonda radicalità la regola di Francesco: nessun calzare, niente di proprio, spostamenti a piedi o, al massimo, in autostop.

Fra Paolo va a studiare teologia a Napoli e con un gruppo di altri postulanti decide di dormire nei vagoni abbandonati della stazione, vivendo della Provvidenza, senza nessuna sicurezza mondana.

Il frate viadanese nella città partenopea presta assistenza spirituale tra i ragazzi sbandati del carcere minorile, poi viene trasferito a Palermo dove lavora intensamente nell'ospedale psichiatrico, animando, contemporaneamente, dei gruppi scout e altre realtà ecclesiali. Quindi il trasferimento a Corleone dove si spende soprattutto per i giovani nell'intento di strapparli dai tentacoli della mafia che in quelle zone regna sovrana.

Inaspettamente i suoi superiori gli chiedono di farsi missionario in Tanzania. Fra Paolo, un poco impaurito parte per questo paese lontano: giunge a Pomerini, uno dei venti villaggi della parrocchia di Kilolo, in diocesi di Iringa, dove ci sono altri quattro confratelli: due sacerdoti (uno francese e uno tanzaniano) e due frati tanzaniani. Dopo un primo tempo di impegno nell'educazione dei ragazzi - faceva religione nelle scuole - è stato coinvolto quasi a tempo pieno in una ONG chiamata "Associazione per lo sviluppo della provincia di Kilolo" che si occupa di promozione dello studio, tutela della salute, produzione agricola e artigianale e non da ultimo di salvaguardia dell'ambiente.

Biografia di padre Andrea Facchetti

Nato a Montichiari l'11 giugno 1979, padre Andrea Facchetti è cresciuto a Viadana formandosi spiritualmente all’oratorio Castello e nel gruppo scout. Dopo il liceo scientifico cittadino il giovane saveriano ha frequentato la facoltà di Scienze della formazione a Reggio Emilia; nel settembre 2004, conseguita la laurea, ha iniziato il cammino formativo per divenire sacerdote missionario.

A Desio ha frequentato il biennio filosifico,  ad Ancona, invece, ha vissuto  il noviziato per due anni, poi tra Parma e Reggio Emilia ha seguito i corsi di teologia per quattro anni. Il 24 ottobre 2011 ha pronunciato la professione perpetua nella basilica di San Paolo fuori le Mura a Roma, all'indomani della canonizzazione del Conforti, fondatore dell'istituto saveriano. Il 7 dicembre 2011 mons. Enrico Solmi, vescovo di Parma, lo ha ordinato diacono nel santuario di San Guido Maria Conforti della città emiliana. Il 30 giugno 2012 nel santuario di San Guido Maria Conforti a Parma l'ordinazione sacerdotale da parte di mons. Dante Lafranconi. 

Ha quindi iniziato il suo ministero missionario in Mozambico: prima a Chemba, quindi, dal marzo 2014, a Charre, dove gli è stato chiesto di integrare la comunità locale.

 
Testimonianze nel mese missionario:

 

convegno firenze


Liturgia


In Evidenza

TUTTI A TAVOLA
Speciale dedicato
al Grest 2015
QUARESIMA
E PASQUA 2015
Eventi e liturgie
ATTIVITA'
DEL VESCOVO
Dante Lafranconi
FORMAZIONE E CATECHESI
Corsi e sussidi
ANIMAZIONE LITURGICA
Corsi e sussidi
CLERO DIOCESANO
Nomine ed eventi
CORSO BIBLICO
DI DON CAVEDO
Dio o religione?
FORMAZIONE SOCIO-POLITICA
I materiali del corso
VITA CONSACRATA
Religiose e religiosi
ESTATE 2014
Iniziative e proposte
durante le vacanze
LINEE PASTORALI
Speciale
biennio 2012/2014
CARITA' E VOLONTARIATO
Proposte ed eventi
PASTORALE GIOVANILE
Formazione ed eventi
AGGREGAZIONI ECCLESIALI
Proposte ed eventi
ARCHIVIO
Materiali, documenti e ricordi

 
Cattedrale di Cremona
Santuario di Caravaggio
TRC - Teleradio Cremona Cittanova
NEC - Nuova Editrice Cremonese
La Vita Cattolica
Caritas Cremonese
FOCr - Federazione Oratori Cremonesi
ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose
delle Diocesi di Crema, Cremona e Lodi
Scuola diocesana di musica sacra
Case vacanze
Zona1
AC
ACLI Cremona
UNITALSI Cremona
dvd conte